Tel. +39 049 650484 - info@hoteledenpadova.it

Single Blog Title

This is a single blog caption
10 Ott

“Rivoluzione Galileo. La scienza incontra l’arte.”

Dopo Galileo nulla fu come prima. E non solo nella ricerca astronomica e nelle scienze, ma anche nell’arte. Con lui, il cielo passa dagli astrologi agli astronomi.

La mostra (Padova, Palazzo del Monte di Pietà, dal 18 novembre 2017 al 18 marzo 2018), concepita da Giovanni C.F. Villa per la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo racconta, per la prima volta, la figura complessiva e il ruolo di uno dei massimi protagonisti del mito italiano ed europeo. In un’esposizione dai caratteri del tutto originali, dove capolavori assoluti dell’arte occidentale in dialogo con testimonianze e reperti diversi, consentono di scoprire un personaggio da tutti sentito nominare ma da pochi realmente conosciuto.

Dalla mostra emerge l’uomo Galileo nelle molteplici sfaccettature: dallo scienziato padre del metodo sperimentale al letterato esaltato da Foscolo e Leopardi, Pirandello e Ungaretti, De Sanctis e Calvino. Dal Galileo virtuoso musicista ed esecutore al Galileo artista, tratteggiato da Erwin Panofsky quale uno dei maggiori critici d’arte del Seicento; dal Galileo imprenditore – non solo il cannocchiale ma anche il microscopio o il compasso – al Galileo della quotidianità. Poiché l’uomo, eccezionale per potenza d’intuizione e genio scientifico, lo era anche nei piccoli vizi e debolezze, quali gli studi di viticoltura e la passione per il vino dei Colli Euganei – rifiutando la “vil moneta” baratta i suoi strumenti di precisione con vino “del migliore” – o la produzione e vendita di pillole medicinali.

Per documentare “Rivoluzione Galileo” Giovanni C.F. Villa riunisce in Palazzo del Monte di Pietà a Padova un numero impressionante di opere d’arte, a partire dagli splendidi acquerelli e schizzi dello stesso Galileo, che mostrano la sua altissima qualità di disegnatore. Lo scienziato era del resto un attento osservatore dell’arte, come confermano i commenti salaci su delle tarsie lignee – “prive di morbidezza e fatte di legnetti” – ma anche su Arcimboldo, autore di “capricci che hanno una confusa ed inordinata mescolanza di linee e colori”. L’influenza delle conquiste galileiane e della scienza moderna sulla cultura artistica è evidente già nel primo Seicento: con la minuziosa resa della natura, come testimoniano le straordinarie opere dei Brueghel e di Govaerts, ma anche in una pittura che recepisce immediatamente la prorompente portata delle ‘macchine’ di Galileo.

Nel 1610 Galileo pubblica il Sidereus Nuncius, e un effetto immediato si può scorgere nella celebre Fuga in Egitto di Adam Elsheimer, prima raffigurazione della Via Lattea. E poi in una sequenza di artisti capaci di raffigurare la luna così come vista con il cannocchiale, tanto che una notevole sezione di mostra racconta proprio la scoperta della luna da Galileo fino ai giorni nostri. Anche il genere della natura morta sviluppa nuove formule compositive: i simboli della vanitas  lasciano il posto ad una raffigurazione documentaristica legata allo sviluppo delle scienze naturali. E poi un racconto iconografico per capolavori, tra le quali spicca il dipinto del Guercino dedicato al mito di Endimione, con una delle prime raffigurazioni del cannocchiale perfezionato dallo scienziato pisano. Tra gli anni Venti e Trenta del secolo prende vita una vera e propria “bottega” galileiana, ovvero una generazione di artisti (Artemisia Gentileschi, l’Empoli, Stefano Della Bella, ecc.) in grado di condividere le suggestioni offerte dalla lezione dello scienziato. Come le Osservazioni astronomiche di Donato Creti ora in Pinacoteca Vaticana: straordinarie tele raffiguranti stelle e pianeti ritratti in modo da mostrare l’aspetto che presentano al telescopio, evocando le scoperte galileiane.

Giovanni C.F. Villa porta i visitatori anche dentro alla “costruzione” del mito galileiano in epoca ottocentesca. Si era nel 1841 quando il Granduca Leopoldo II di Lorena costruiva, in Palazzo Torrigiani, la Tribuna di Galileo, straordinario ambiente immaginato quale sintesi iconografica della scienza sperimentale, da Leonardo a Galileo. Dopo il centrale episodio fiorentino di Santa Croce, eternato da Ugo Foscolo, l’Ottocento diviene il secolo dei monumenti dedicati a Galileo. Ecco allora Pisa, Roma, la Loggia degli Uffizi a Firenze per giungere alla trentaseiesima statua dei grandi padovani in Prato della Valle. A sancire il mito di Galileo accanto a quello di Dante, lo scienziato-umanista capace di una rivoluzione epocale per l’umanità ampiamente riverberata nell’arte.

La mostra sviluppa un’ampia sezione d’arte contemporanea che da Previati e Balla giunge fino ad Anish Kapoor, presente in mostra con l’opera di apertura.

Ingresso

Biglietti:
intero 12 euro;
ridotto 10 euro per gruppi di adulti in visita guidata organizzata con gratuità per 1 accompagnatore, gruppi di adulti in visita guidata a orario fisso, visitatori di età compresa tra 6 e 18 anni, over 65, studenti universitari, insegnanti con documento, categorie convenzionate;
gratuito per bambini fino a 5 anni, portatori di handicap e 1 accompagnatore, giornalisti con tesserino, militari.

Visite guidate (max 25 persone a gruppo)
Visite guidate gruppi adulti: 75 euro
Visite guidate in lingua: 85 euro
Visite guidate con linguaggio italiano dei segni: 90 euro

Speciale scuole
Biglietto 2 euro per studente e ingresso gratuito per 2 accompagnatori (tariffa valida per gli studenti di tutte le scuole).
Visite guidate tematiche o laboratori didattici: gratuiti per le scuole delle province di Padova e Rovigo; 40 euro per tutte le altre scuole.

Per informazioni e prenotazioni

telefono 0425 460093
Call center attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:30 alle 18:30; sabato dalle 9:30 alle 13:30
email info@mostrarivoluzionegalileo.it
sito www.mostrarivoluzionegalileo.it

ALL FOOTBALL — Areli https://www.cheapfootballshirtsvips.co.uk/ Sportswear United Kingdom Cheap Football Shirts shop:https://www.cheapfootballshirtsvips.co.uk/
It must be difficult attempting to provide you with a new football kit design. Whatever the occasion, customized T-shirts are perfect when a plain boring printed T-shirt simply won’t do. From the cheap football shirts uk stadium stands to your front room couch, pay homage to the game with Nike® NFL sport kits , NFL hats , shirts and more Monaco Home Football Shirt 2018/2019 officially licensed NFL gear. Lamp Thought Icon Png Luxury 13 Sporty Soccer Football Icons Freebie Pinterest images and photos assortment that posted right here was fastidiously selected and uploaded by Rockymage crew after choosing the cheap Celtic football shirts ones which can be best among the others.
Shoulder numbers are normally 4″ numbers, positioned 2″ from the top of Celtic home Football Shirt 2018/2019 the shoulder on the custom football kit. We’ve got personal factories to supply soccer kits Q:How is the quality9 A:We only sale excellent football kits. Design customized camouflage kits , hoodies, t-shirts, hats and equipment so as to add extra fashion Celtic Away Football Shirt 2018/2019 to your crew’s appearance. Take a minute to fill out the request kind with some data about your customized football uniforms.
Our personalised T-shirts have been examined Los Angeles Galaxy Home Shirt 2018/2019 for lasting efficiency as we all know how vital high quality is for you if you design your personal T-shirt. Peronalise T-shirts with your personal design or select PSV Eindhoven Home Football shirt 2018/2019 from a number of thousands of ready obtainable T-shirt design templates. Wooter Attire means that you can create absolutely customizable football uniforms. The VO2 Football Shirt Manchester United Away Pink Football Shirt 2018/2019 is the basic garment for every soccer crew.

Leave a Reply